La politica Rosy Bindi: Abbiamo bisogno di riposte sincere

0

Tra i più di 150 mila credenti che hanno salutato il Papa a Roma vi era anche la politica italiana Rosy Bindi, cofondatrice del partito “Partito Democratico”. Per l’ex ministro per la Famiglia ed ex-vicepresidente della Camera dei Deputati Papa Francesco rappresenta una buona scelta. Adesso spera di trovare “parole sincere”

Appena è salita la fumata bianca mi sono sbrigata. Sono grandi emozioni queste, è una grande gioia e ovviamente un gran privilegio essere qui e ricevere la prima benedizione del Papa.  Sono felice e penso che sarà un buon Papa e un buon vescovo per Roma. Egli stesso non riusciva a pronunciare la parola Papa e questo mi ha veramente colpita. Ed è stato davvero bello che per prima cosa ci abbia chiesto di pregare per lui. Tutti noi abbiamo sbagliato nelle previsioni e nei sondaggi, nessuno pensava che sarebbe stata questa la scelta. Ma so anche che era tra i candidati papabili già nell’ultima scelta e forse proprio per questo il Signore gli ha concesso altri due annetti per decidersi. Non vorrei dare nessun consiglio al Papa ma so bene che la Chiesa in questo momento ha bisogno di fiducia e della forza necessaria per tornare ad evangelizzare. Credo che la decisione e la richiesta di perdono da parte di Papa Benedetto XVI abbiano spianato la strada a far si che la Chiesa venga nuovamente ascoltata. In questo momento abbiamo proprio bisogno di risposte sincere da parte della Chiesa. Poi il Papa viene da un Paese che ha sofferto e che conosce la povertà. Spero sia davvero un forte segnale questo, anche riguardo al superamento della crisi e per avviarci verso un cammino di reciproca convivenza.

Maria Rosaria Bindi, nato nel 1951 in Calabria, fa parte dell’ala democristiana del partito “Partito Democratico”. Nel suo sito la politica cattolica commenta le questioni attuali della politica italiana: http://www.democraticidavvero.it/

Silke Schmitt, referente scientifica presso la Rappresentanza della Fondazione Konrad Adenauer a Roma.

Share.

Leave A Reply