Dibattito nell’Istituto Luigi Sturzo: Europa dopo le elezioni

0

Il 4 giugno 2014 il nostro partner Istituto Luigi Sturzo  ha organizzato una tavola rotonda alla quale hanno partecipato l’ex ambasciatore in Germania Luigi Vittorio Ferraris e quattro dei suoi studenti. L’argomento della discussione erano i risultati delle elezioni europee del 25 maggio e il ruolo e l’importanza di un’Europa unita nel mondo.

Che ruolo prenderà l’Europa in un mondo che sposta l’attenzione sempre di più dall’atlantico al pacifico? Come faranno nazioni come l’Italia, la Spagna oppure la Grecia ad imporsi ad nazioni sempre più poderosi come l’India o la Cina? A queste domande inizialmente si è cercato di dare degli approcci e degli spunti di riflessione che miravano sull’importanza della concordia europea sia nell’ambito internazionale che regionale per garantire una cooperazione solida fra le nazioni europee. Questo non solo riguardando l’economia e la politica di sicurezza ma anche l’ambito dell’occupazione, dell’ambiente e dell’energia e soprattutto lo sviluppo di tecnologie nuove per assicurare la trasmissione di informazioni .

In questo contesto – come dedotto anche dagli studenti durante la discussione- le elezioni europee rivestono un ruolo molto importante dando in tempi di crisi alla politica europea maggior impulso e slancio. Quale altra possibilità esiste per l’Europa per diventare nuovamente una forza economica e politica e togliersi l’immagine di una “Europa rigida finanziaria”? Questa domanda se la pone anche il presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi per l’Italia. Tramite la presidenza del Consiglio europea che inizia a luglio, l’Italia ha l’opportunità di dimostrare all’Europa che nonostante la crisi il paese è capace di riprendersi la responsabilità e il ruolo di dirigente che ha rispetto alle altre nazioni.

Una cosa è certa: nei prossimi mesi sia l’UE che l’Italia hanno la possibilità di dar prova che – malgrado tutte le critiche e gli ostacoli – possano presentare delle misure per superare in concordia e intesa le complesse circostanze che appaiono durante il processo di soluzione. Perché come disse il rinomato politico Altiero Spinelli: “La via da percorrere non è facile, né sicura. Ma deve essere percorsa, e lo sara!”

Se l’argomento vi interessa, siete invitati a seguire il 10 giungo 2014 la nostra discussione “Dopo le elezioni” con la Dott.ssa Viola Neu, direttrice del team ricerca sociale empirica della Konrad Adenauer Stiftung e il Prof. Andrea de Petris, professore di scienze politiche comparative della LUISS che presenteranno un analisi dei risultati tedeschi ed italiani delle elezioni europee . La manifestazione si svolgerà presso Santa Maria dell’Anima, Via della Pace 20 alle 17.

La stagista della Fondazione Konrad Adenauer in Italia, Tania Chirico, il 4 giugno 2014 ha partecipato alla manifestazione „Tavola rotonda. L’Europa dopo il 25 maggio: generazioni a confronto” presso l’Istituto Luigi Sturzo. L’articolo è stato scritto da lei.

Share.

Leave A Reply